"Tasse" sugli affitti al 10%. Occorre approfittarne subito


Pubblicato il 2014-04-01


Scade il:


Condividi

Spazio disponibile

Buone notizie sul fronte tassazione sugli affitti. Infatti è stato pubblicato in gazzetta il Decreto emergenza abitativa. La novità più gradita ai contribuenti sarà sicuramente l’abbattimento di aliquota per la cedolare secca dei contratti a canone concordato che, dopo essere stata già ridotta dal 19 al 15% per il 2013, passa al 10% per tutto l’anno 2014 e fino almeno al 2017.

La disposizione avrà i suoi effetti sin dal 1° gennaio 2014, rendendo estremamente conveniente questa nuova forma di tassazione.

Con l’aliquota imponibile pari al 95% per i canoni soggetti a tassazione ordinaria (in quanto, come noto, è stato ridotto l’abbattimento forfettario dal 2013) la cedolare secca diventa davvero conveniente.

Occorre sapere però che la tipologia a cui si applica tale tassazione agevolata sono tutti quei contratti a canone concordato per i Comuni ad alta densità abitativa.

Ma quali sono i comuni ad alta desità abitativa in Sicilia? Ecco l'elenco suddiviso per province:

Agrigento Agrigento, Canicattì, Licata, Porto Empedocle, Sciacca
Caltanissetta Caltanissetta, Gela
Catania Aci Castello, Acireale, Adrano, Caltagirone, Camporotondo Etneo, Catania, Gravina di Catania, Misterbianco, Motta Sant'Anastasia, Paternò, San Giovanni la Punta, San Gregorio di Catania, San Pietro Clarenza, Sant'Agata li Battiati, Tremestieri Etneo, Valverde, Viagrande
Enna Enna
Messina Acquedolci, Barcellona Pozzo di Gotto, Brolo, Capo d'Orlando, Gaggi, Malvagna, Merì, Messina, Milazzo, Motta Camastra, Pace del Mela, San Filippo del Mela, Sant'Agata di Militello, Santa Lucia del Mela, Scaletta Zanclea, Spadafora, Taormina, Torregrotta, Valdina, Venetico, Villafranca Tirrena
Palermo Altofonte, Bagheria, Capaci, Ficarazzi, Isola delle Femmine, Misilmeri, Monreale, Montelepre, Palermo, Torretta, Trabia, Villabate
Ragusa Modica, Ragusa, Vittoria
Siracusa Augusta, Avola, Canicattini Bagni, Carlentini, Floridia, Melilli, Noto, Palazzolo Acreide, Priolo Gargallo, Siracusa, Solarino
Trapani Alcamo, Castelvetrano, Erice, Marsala, Mazara del Vallo, Paceco, Trapani

Facciamo un esempio sulla convenienza del nuovo contratto:

Un contribuente con un reddito lordo di 28.000 euro annui ed un affitto da 600 euro mensili (7.200 annui) con un contratto normale per l'affitto paga 2599 di IRPEF mentre con un contratto a canone concordato a cedolare secca pagherebbe 720 euro ( 1879 euro in meno!)

Sei un contribuente che guadagna più di 20000 euro l'anno, affitti immobili abitativi in un comune italiano ad alta densità abitativa e sei stanco di pagare anche il 40% di "tasse" sui tuoi immobili affittati?

Inviaci una mail a incentivisicilia@gmail.com e in pochi passi e in maniera molto conveniente ti effettuiamo la disdetta del vecchio contratto e ti registriamo il nuovo contratto per usufruire della tassazione agevolata al 10%. Risparmiare (tanto) si può!


Vuoi rimanere sempre aggiornato? clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook



Vuoi maggiori info? Contattaci subito!