Solo in Sicilia: Nuovo bando dedicato ai Comuni per realizzare asili nido, ludoteche e centri diurni per minori.


Pubblicato il 2018-02-16


Immagine articolo: Solo in Sicilia: Nuovo bando dedicato ai Comuni per realizzare asili nido, ludoteche e centri diurni per minori.

Scade il: 18 Maggio 2018


Condividi

Spazio disponibile

Pubblicato sulla gazzetta ufficiale Regione Sicilia di oggi 16/02/2018 il bando dell’Azione 9.3.1 “ Finanziamento piani di investimento per comuni associati per realizzare nuove infrastrutture e recuperare quelle esistenti (asili nido centri ludici, servizi integrativi prima infanzia, ludoteche e centri diurni per minori, comunità socioeducative) conformi alle normative regionali” promossa dal Dipartimento della famiglia e delle politiche sociali, nell’ambito del PO FESR 2014/2020, con il quale si intende sostenere gli interventi mirati al miglioramento della qualità e dell’accessibilità dei servizi socio educativi per l’infanzia e per l’inclusione attiva anche dei minori.

L'Azione 9.3.1 è quindi finalizzata a favorire gli investimenti pubblici dei Comuni indirizzati alla conciliazione vita-lavoro degli abitanti della regione Sicilia ed ad aumentare la diffusione di servizi qualificati e nello specifico:

a) interventi di adeguamento e rifunzionalizzazione di edifici pubblici esistenti (comprese forniture e arredi) finalizzati a servizi per la prima infanzia fascia 0 - 3 anni conformi alle normative regionali di riferimento, ovvero asili nido, micro nido, e servizi integrativi prima infanzia (spazi gioco e centri per bambini e famiglie);

b) interventi di adeguamento, rifunzionalizzazione e ristrutturazione (comprese forniture e arredi) dei centri di aggregazione per minori, centri ludici e centri educativi diurni rivolti alla popolazione di fascia di età 4-18 anni.

Per finanziare tali interventi le risorse disponibili ammontano complessivamente 5.708.460,40 €.

Come accennato, potranno partecipare al bando i Comuni della Regione Siciliana e loro associazioni/Consorzi/Unioni, anche associati con altri enti pubblici, ad esclusione delle 18 Città Polo, alle quali è riservata la specifica procedura relativa alla quota territorializzata.

Sono ammissibili al contributo finanziario le operazioni di adeguamento, rifunzionalizzazione e ristrutturazione di edifici pubblici, compresa la fornitura delle relative attrezzature e arredi, da adibire alla erogazione dei seguenti servizi:

  1. nidi per l’infanzia o asili nido, micro nido e servizi integrativi per l’infanzia, nel rispetto degli standard strutturali e organizzativi ;
  2. centri di aggregazione per minori, centri ludici e centri educativi diurni rivolti alla popolazione di fascia di età 4-18 anni, con particolare attenzione ai servizi offerti per la fascia d’età 4-6 anni.

Nello specifico sono ammissibili a titolo indicativo i seguenti interventi:

  • interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, rivolti alla riqualificazione degli immobili esistenti;
  • interventi di adeguamento e miglioramento dell’impiantistica;
  • interventi di superamento delle barriere architettoniche e di realizzazione di soluzioni tecnologiche di domotica per garantire l’accessibilità all’immobile e alle parti comuni alle persone con disabilità;
  • interventi di efficientamento energetico degli edifici da perseguire mediante il miglioramento dei consumi di energia e l’innalzamento della classe della prestazione energetica;
  • interventi rivolti all’adeguamento normativo in termini di igiene edilizia, benessere per gli utenti, sicurezza statica, sicurezza impianti, accessibilità, ecc.

Per la realizzazione delle operazioni previste, il costo verrà determinato nel rispetto delle seguenti categorie di spese ammissibili:

  1.  esecuzione dei lavori relativi alle opere, agli impianti, all’acquisto delle forniture e dei servizi connessi all’esecuzione dell’opera stessa;
  2. acquisizione di immobili necessari per la realizzazione dell’opera nei limiti di quanto previsto;
  3. indennità e contributi dovuti ad enti pubblici e privati come per legge (permessi, concessioni, autorizzazioni, finalizzate all’esecuzione delle opere);
  4.  spese generali;
  5.  acquisizione di arredi, attrezzature, macchinari e strumentazione tecnica funzionali al progetto per un importo massimo di 100.000,00 €;
  6.  incremento del patrimonio culturale - libri, riviste, DVD, CD - per un importo massimo di 5.000,00 € ;

Il contributo finanziario in conto capitale massimo che verrà concesso sarà di 500.000,00 euro e pari al 100% dei costi ammissibili. Gli importi che eccedono tale somma saranno a carico del Beneficiario.

I progetti per le due linee di intervento verrano selezionati in base a:

  1. Efficacia dell’Operazione (max 9/ 16 punti);
  2. Efficacia attuativa - Qualità progettuale intrinseca, innovatività e integrazione con altri interventi-(max 85/78 punti);
  3. Criteri premiali (max 6 punti);

Le domande devono essere inoltrate a mezzo Posta Elettronica Certificata (PEC) all'indirizzo dipartimento.famiglia@certmail.regione.sicilia.it entro il18/05/2018.

Per leggere il bando completo ,ti chiediamo prima, se non lo hai già fatto,di mettere il "mi piace" alla nostra pagina facebook dal banner di sotto e poi clicca qui

Riproduzione Riservata.


Vuoi rimanere sempre aggiornato? clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook



Vuoi maggiori info? Contattaci subito!