Contributo fino al 50% per realizzare un prodotto turistico completo in forma aggregata grazie all'azione 3.3.3 del PO FESR


Pubblicato il 2018-03-13


Immagine articolo: Contributo fino al 50% per realizzare un prodotto turistico completo in forma aggregata grazie all'azione 3.3.3 del PO FESR

Scade il: 7 Giugno 2018


Condividi

Con la GURS di ieri 09/03/2018, dopo i bandi relativi alle misure 3.3.2 e 3.3.4, è stata pubblicata una terza, ed ultima, interessante Azione del PO FESR 2014/2020 Sicilia dedicata al settore turistico. L'azione in questione è la  3.3.3  dal titolo “Sostegno a processi di aggregazione e integrazione tra imprese (Reti di imprese) nella costruzione di un prodotto integrato nelle destinazioni turistiche - Bando a sportello in esenzione con il preciso obiettivo di sostenere le micro, piccole e medie imprese operanti in forma aggregata (Reti imprese)  a realizzare un prodotto integrato nelle destinazioni turistiche (anche sperimentando modelli innovativi, quali, dynamic packaging, marketing networking, tourism information system, customer relationship management). Le operazioni dovranno essere finalizzate ad esempio a:
 

  1. organizzazioni di prodotti e pacchetti turistici;
  2. adeguamento dei sistemi informativi e dei relativi servizi;
  3. azioni di web marketing, web reputation, e-commerce;
  4.  predisposizione di materiale multimediale;
  5. realizzazione di iniziative di ospitalità ed educational tour.

Come per la misura 3.3.4 (leggi l'articolo che parla della misura clicca qui) e per la misura 3.3.2 (leggi l'articolo che parla della misura clicca qui), l'azione 3.3.3 sosterrà le imprese che operano nei settori artistico, creativo e culturale, turistico e ricreativo, dei prodotti artigianali tradizionali e tipici dei territori, dei servizi di alloggio e ristorazione, dei servizi e attività per favorire l’accessibilità degli attrattori, dei servizi di informazione e comunicazione.  La dotazione finanziaria per la 3.3.3 ammonta € 37.000.000 e saranno finanziati i progetti con importo massimo di 500.000€ .

Le spese ammissibili che rientrano a contributo sono:

  • spese per investimenti in attivi materiali come l'acquisto di macchinari, attrezzature, arredi e mezzi mobili. Questi ultimi sono ammissibili purché strettamente necessari e collegati al progetto da realizzare. I singoli titoli di spesa devono essere di importo, al netto di IVA, superiore a € 500,00; i beni relativi all’investimento devono essere nuovi di fabbrica e non devono rappresentare mera sostituzone di impianti, macchinari ed attrezzature.
  • spese per investimenti in attivi immateriali come diritti di brevetto, licenze, know- how o altre forme di proprietà intellettuale.
  • spese per consulenze: consulenze esterne specialistiche prestate da Università e Centri di Ricerca pubblici o da imprese dotate di documentate competenze in materia 

Possono presentare domanda le Reti di imprese con personalità giuridica o senza personalità giuridica, costituite da almeno 3 imprese (micro, piccole e medie imprese),costituite e in stato di attività. Ciascuna impresa può partecipare solo a una Rete-contratto o a una Rete-soggetto richiedente l'agevolazione, pena l'inammissibilità delle domande nelle quali sia presente la stessa impresa.
Le imprese sono considerati ammissibili se esercitanti una attività identificata come prevalente, rientrante in uno dei codici ATECO ISTAT 2007 previsti dal bando.

Gli aiuti  previsti  verranno erogati nella forma di contributi in conto capitale nella misura pari al 45% della spesa ritenuta ammissibile in caso di micro/piccola impresa e al 35% in caso di media impresa. Per le sole spese per servizi di consulenza il contributo è pari al 50% della spesa ammissibile e per un importo non superiore a 15.000,00 euro.

Le prenotazioni delle domande, pena inammissibilità, dovranno essere inoltrate  a partire dalle ore 12,00 del 08.05.2018 e fino alle ore 12,00 del 07.06.2018, via web avvalendosi del portale delle agevolazioni secondo le procedure indicate.
Le imprese dovranno dotarsi preventivamente di:
- una propria casella di posta elettronica certificata (PEC).
- kit di firma digitale del soggetto abilitato alla sottoscrizione della domanda.

Le domande saranno considerate ammissibili con il conseguimento di un punteggio minimo di almeno 60 punti totali ottenuti dalla somma dei punteggi assegnati fra i “Criteri di selezione” e i “Criteri di premialità”, dei quali almeno 50 punti, attribuito nell'ambito dei “Criteri di selezione”.

Per essere assistiti da un team di professionisti nella predisposizione delle domande, per leggere il bando completo e per conoscere i comuni dove possono essere realizzati gli investimenti e i codici attività rientranti nel bando cliccate qui.

Seguici su Facebook sulla nostra pagina "IncentiviSicilia.it" per conoscere le news su incentivi e lavoro in Sicilia e partecipa alle conversazioni. Siamo già in 40 mila.

RIPRODUZIONE RISERVATA


Vuoi rimanere sempre aggiornato? clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook



Vuoi maggiori info? Contattaci subito!