Contributi diretti per Bar, Ristoranti, Discoteche ecc. grazie al Decreto Ristori. Importi fino a 4 volte di quanto ricevuto in primavera


Pubblicato il 2020-10-28


Immagine articolo: Contributi diretti per Bar, Ristoranti, Discoteche ecc. grazie al Decreto Ristori. Importi fino a 4 volte di quanto ricevuto in primavera

Scade il:


Condividi

Spazio disponibile

E' stato approvato ieri 27/10/2020  il "Decreto Ristori" con il quale il gorverno sta prestando soccorso ai titolari delle attività coinvolte da questo secondo lockdown.

Viene infatti previsto un contributo fondo perduto modulato in base al settore di appartenenza.Un rimborso maggiore è previsto per quelle attività che hanno dovuto sospendere del tutto la loro attività (sale gioco e scommesse, sale bingo, cinema, palestre, centri sportivi o piscine, etc.), un risarcimento minore è previsto invece per le altre attività obbligate a chiusure limitate come pub, bar e ristoranti, i quali potranno operare dalle 5 del mattino fino alle ore 18 per i servizi al tavolo o al banco e, successivamente, solo con servizi di asporto.
 

Rispetto al primo contributo previsto nel D.L. n. 34/2020, il nuovo contributo fondo perduto non sarà vincolato alla perdita di fatturato e sarà erogato anche alle aziende con fatturato oltre i 5 milioni di euro. Il nuovo ristoro sarà erogato in automatico alle oltre 300.000 imprese benefeciarie del contributo previsto dal D.L. 34/2020 sulla base dei codici ATECO “danneggiati”,  modulato sulla cifra già erogata quale contributo del decreto Rilancio. Nel nuovo decreto il contributo spetterà anche ai tassisti, precedentemente esclusi dai contributi ex D.L. 34/2020.

Secondo quanto dichiarato dal Ministro Gualtieri il contributo verrà erogato entro il 15 Nobembre 2020

I ristori e la loro intensità saranno modulati in base alla tipologia di attività in tale maniera

  •  ristoro al 100% (coefficiente 1) delle somme già incassate con il contributo del decreto Rilancio (ex art. 25, D.L. n. 34/2020) per gli esercizi e le attività con chiusura alle ore 18 (ad esempio pasticcerie o gelaterie);
  • ristoro al 150% (coefficiente 1,5) per i ristoranti non particolarmente danneggiati dalla chiusura serale;
  •  ristoro al 200% (coefficiente 2) per le attività costrette a chiudere completamente (cinema, teatri, palestre, piscine, sale giochi, scommesse o bingo, centri termali, centri benessere e fiere);
  • ristoro al 400% (coefficiente 4) per quelle attività già chiuse anche prima del nuovo D.P.C.M. (sale da ballo e discoteche).

In pratica, un cinema che aveva ricevuto 3.000 euro con il precedente fondo perduto, con il nuovo meccanismo si vedrà accreditare un contributo di 6.000 €, pari al 200% di quello percepito precedentemente.  vedrà aumentare di 1,5 volte l’importo ricevuto.

Il limite massimo del contributo è di 150.000 euro ad azienda .Saranno esclusi dal ristoro «i soggetti che hanno attivato la partita IVA a partire dal 25 ottobre» o quelli che hanno già cessato l’attività prima di questa data.

Maggiori e più precisi dettagli li avremo non appena verrà pubblicato il decreto definitivo.

Se volete rimanere aggiornati cliccate sul "Mi Piace" della nostra pagina Facebook "IncentiviSicilia.it" dal banner in basso. Inoltre abbiamo attivato il nuovo servizio newletter , che invierà una mail quando pubblicheremo degli aggiornamenti. Il servizio è attivabile dal riquadro di sotto a questo articolo.

(fonte Ipsoa)


Vuoi rimanere sempre aggiornato? clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook



Vuoi maggiori info? Contattaci subito!