Decreto Cura Italia: Al momento nulla ai professionisti iscritti alla cassa...magari qualcosa tra 30 giorni!


Pubblicato il 2020-03-18


Immagine articolo: Decreto Cura Italia: Al momento nulla ai professionisti iscritti alla cassa...magari qualcosa tra 30 giorni!

Scade il:


Condividi

Spazio disponibile

Il decreto Cura Italia del 17/03/2020 sembra aver preso in considerazione tutti , tranne che i professionisti iscritti alle rispettive casse di previdenza come Avvocati, Ingegneri, Architetti, Commercialisti, ecc.. Ciò è parzialmente vero.

Infatti,agli autonomi iscritti alla Gestione Separata INPS il decreto stabilisce una indennità di 600 € per il mese di Marzo 2020. Stesso trattamento previsto anche per Artigiani e Commerciati (AGO).

Per i professionisti iscritti all'ordine vi è pero un preciso rimando all' Art. 44 (Istituzione del Fondo per il reddito di ultima istanza a favore dei lavoratori danneggiati dal virus COVID-19) che riportiamo:

1. Al fine di garantire misure di sostegno al reddito per i lavoratori dipendenti e autonomi che in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID 19 hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro è istituito, nello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, un Fondo denominato “Fondo per il reddito di ultima istanza” volto a garantire il riconoscimento ai medesimi soggetti di cui al presente comma, di una indennità, nel limite di spesa 300 milioni di euro per l’anno 2020.

2. Con uno o più decreti del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da adottare entro trenta giorni dall’entrata in vigore del presente decreto, sono definiti i criteri di priorità e le modalità di attribuzione dell’indennità di cui al comma 1, nonché la eventuale quota del limite di spesa di cui al comma 1 da destinare, in via eccezionale, in considerazione della situazione di emergenza epidemiologica, al sostegno del reddito dei professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria di cui ai decreti legislativi 30 giugno 1994, n. 509 e 10 febbraio 1996, n. 103.

3. Alla copertura degli oneri previsti dal presente articolo si provvede ai sensi dell’articolo 126.

Quindi dal tenore dell'articolo riportato, nei prossimi 30 giorni si saprà quali saranno le misure in favore dei professionisti iscritti all'ordine. Ad oggi quindi non si conoscono ancora ne importo, ne criteri priorità, ne modalità di attribuzione.

L’unica misura di sostegno finanziario prevista per i professionisti riguarda la sospensione di 9 mesi per il pagamento dei mutui prima casa, previa presentazione di una autocertificazione con la quale i lavoratori autonomi attestino di aver perduto, in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, oltre il 33% del proprio fatturato rispetto all'ultimo trimestre del 2019.
 

Rimane però confermato che agli autonomi sarà precluso (inspiegabilmente):

  • accesso alla moratoria sui mutui bancari e i leasing
  • credito d’imposta sui canoni di locazione dell’immobile adibito a studio professionale.
  • Possibilità di portare in deduzione le donazioni fatte per sostenere le iniziative per fronteggiare l'emerrgenza COVID 19. Questa possibilità è data solo a chi produce redditi di impresa e ai privati.

Per leggere il decreto completo clicca qui

Rimaniamo in attesa di successivi risvolti che vi comunicheremo e vi invitiamo a continuare a seguirci comodamente dalle vostre case.

#IORESTOACASA

Se volete far conoscere l'articolo ai vostri amici condividetelo sui social e cliccate sul "Mi Piace" della nostra pagina Facebook "IncentiviSicilia.it" dal banner in basso. Inoltre abbiamo attivato il nuovo servizio newletter , che invierà una mail quando pubblicheremo degli aggiornamenti. Il servizio è attivabile dal riquadro di sotto a questo articolo.


Vuoi rimanere sempre aggiornato? clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook



Vuoi maggiori info? Contattaci subito!