Nuovo bando per ridurre rischi ambientali di Parchi ed Aree naturali protette del Sud. Contributi fino a 300.000 € per ogni progetto


Pubblicato il 2018-04-15


Immagine articolo: Nuovo bando per ridurre rischi ambientali di Parchi ed Aree naturali protette del Sud. Contributi fino a 300.000 € per ogni progetto

Scade il: 8 Giugno 2018


Condividi

FAS - Mobili per alberghi

La Fondazione CON IL SUD promuove la quarta edizione del Bando Ambiente invitando le organizzazioni del Terzo settore di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia a presentare progetti esemplari per la prevenzione e riduzione dei rischi ambientali all’interno dei Parchi e delle Aree naturali protette meridionali. Il Bando mette complessivamente a disposizione 5 milioni di euro ed in Sicilia sono ben 81 le aree ammesse a presentare progetti.

Lo scenario italiano e al Sud non è dei migliori anche dal punto di vista ambientale. Sono oltre 200 le aree naturali protette meridionali minacciate dalla “perdita” delle biodiversità, da inquinamento, incendi e più in generale dal dissesto idro-geologico. Un patrimonio dal grande valore anche culturale ed economico, che deve essere tutelato e valorizzato in chiave comunitaria.I partenariati dovranno prevedere, oltre al Soggetto responsabile e all’Organismo di Gestione di ogni area protetta oggetto di intervento, anche la partecipazione di almeno un’altra organizzazione del Terzo settore, che non potrà coincidere con l’OdG che aderisce al partenariato. Inoltre, possono aderire alle partnership di progetto anche enti appartenenti al mondo delle istituzioni, dell’università, della ricerca e al mondo economico, compresi soggetti profit.

Più nel dettaglio il progetto può essere presentato da un’organizzazione senza scopo di lucro nella forma di:

  • associazione  (riconosciuta o non riconosciuta);
  • cooperativa sociale o consorzi o sociale ;
  • ente ecclesiastico;
  • fondazione ;
  • impresa sociale (nelle diverse forme previste dalla L. 106 /2016).

Alla data di pubblicazione del la presente Iniziativa , il soggetto responsabile deve:

  1. svolgere attività coerenti con la mission e della Fondazione;
  2. essere costituito , da almeno due anni ,  in forma di atto pubblico oppure di scrittura privata  autenticata o registrata ;
  3. essere composto in  prevalenza da persone fisiche e/o da associazioni,  cooperative sociali o  loro consorzi, imprese sociali, enti ecclesiastici e/o fondazioni (non di origine bancaria) ;
  4. avere la sede legale e/o operativa in una delle province della/e area/e protetta/e in cui si propone l’intervento

Saranno selezionate le proposte ritenute più valide e capaci di generare valore sociale ed economico sul territorio. I progetti dovranno prestare attenzione alla responsabilizzazione delle comunità locali che insistono sull’area protetta, ad esempio concentrandosi più sull’attivazione di iniziative e comportamenti virtuosi di rispetto e tutela dell’ambiente, che sulla realizzazione di eventi e manifestazioni isolate.

Per ogni tipologia di area naturale protetta, potrà essere presentato un numero massimo di proposte come dettagliato meglio nel bando. I progetti devono avere una durata compresa tra i 24 mesi e i 36 mesi. La richiesta di contributo non deve essere superiore a 300 mila euro e deve prevedere una quota di co-finanziamento economico di almeno il 20% del costo complessivo del progetto.

Saranno giudicate positivamente le proposte che, tra gli altri criteri: siano caratterizzate dalla chiara definizione degli obiettivi qualitativi e quantitativi, in particolare con riferimento alla riduzione del rischio ambientale individuato; identifichino idonee modalità per il monitoraggio e strumenti quali-quantitativi per la valutazione del progetto; assicurino adeguate garanzie sulla continuità delle attività avviate, in termini di sostenibilità economica e organizzativa, anche oltre la durata dei finanziamenti richiesti; prevedano adeguate modalità di comunicazione per la promozione delle iniziative proposte.

Le proposte di progetto devono essere compilate e inviate esclusivamente online, entro la data di scadenza, e non oltre, le ore 13:00 dell’8 giugno 2018 attraverso il portale Chàiros disponibile al seguente link https://www.chairos.it/login. Per essere assisti nella presentazione del progetto e per leggere il bando completo clicca qui

Per la Sicilia le Aree che sono ammesse al bando sono:

  • Riserva Regionale Bosco della Ficuzza, Rocca Busambra, Bosco del Cappelliere e Gorgo del Drago - Palermo
  • RR Foce del Fiume Belice e dune limitrofe Agrigento, Trapani
  • RR Grotta Santa Ninfa Trapani
  • RR Bosco di Alcamo - Trapani
  • RR Bosco di Favara e Bosco Granza - Palermo
  • RR Zingaro Trapani
  • RR Bosco di Santo Pietro - Catania
  • RR Capo Gallo Palermo
  • ....

Per conoscere le altre 73 aree clicca qui

Seguici su Facebook sulla nostra pagina "IncentiviSicilia.it" per conoscere le news su incentivi e lavoro in Sicilia e partecipa alle conversazioni. Siamo già 41 mila.

RIPRODUZIONE RISERVATA


Vuoi rimanere sempre aggiornato? clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook



Vuoi maggiori info? Contattaci subito!